Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione POLICY

Solidarietà allo Stadio

primi sui motori con e-max

Arezzo-MonzaUn 25 aprile Amaranto e un 25 aprile di Solidarietà.

Grande cuore e tenacia da parte dei giocatori dell’Arezzo che hanno prima raggiunto e poi superato il Monza, vincendo la partita e ottenendo la salvezza matematica.

Prima del match il "Gruppo Storico  e Sbandieratori  Città di Castiglion Fiorentino" aveva salutato le squadre in campo e deliziato i tifosi presenti allo stadio. Ospiti della partita sono stati inoltre il presidente dell’Associazione Solidarietà in Buone Mani, Don Giuliano Faralli, ed alcuni membri del consiglio.

Prima dell’incontro, mentre Don Giuliano consegnava una targa di ringraziamento al presidente Ferretti, lo speaker leggeva i numerosi progetti nei quali l’Associazione Solidarietà in Buone Mani è impegnata.

Il messaggio trasmesso, prima della partita dai musici e sbandieratori e poi durante il match dalle due squadre in campo, è proprio che il calcio è decisamente altro da quello che spesso si legge sui giornali: il calcio è festa, è determinazione, è correttezza ed è anche Solidarietà.

Herpen sostiene Solidarietà in buone mani 2L’amicizia con la società aretina perdura ormai da tempo. Molti giocatori hanno sostenuto e sostengono i progetti della Associazione e proprio alcune settimane fa l’attaccante amaranto Horacio Herpen aveva fatto visita all’amico Don Giuliano partecipando alla S. Messa domenicale nella Parrocchia di Montecchio Vesponi.

 

Copyright © 2009-2015 - solidarietà in buone mani - Manciano Castiglion Fiorentino (Ar) - Tel 0575 - 65.30.05 cell. 338.640.636.2
All Rights Reserved solidarietainbuonemani.it                                    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.